FANDOM


Nikita Koloff
190px-NikitaKoloff.jpg
Statistiche
Ring Names Nikita Koloff
Altezza 6 ft 3 in (191 cm)
Peso 267 lbs (121 kg)
Nato 9 marzo 1959
Minneapolis, Minnesota
Morto
Residenza
Provenienza Moscow, Russia
Lituania
Allenato da Ivan Koloff
Don Kernodle
Eddie Sharkey
Debutto 1984
Ritiro 1992

Nikita Koloff (nato Nelson Scott Simpson il 9 marzo 1959), è un wrestler ritirato statunitense. E' conosciuto per la sua permanenza presso la National Wrestling Alliance (NWA) e la World Championship Wrestling (WCW).

Nel corso della sua carriera ha conquistato una volta il NWA United States Heavyweight Championship, due volte i NWA World Tag Team Championship e una volta il NWA World Television Championship.

Carriera nel wrestling

Gli esordi e Jim Crockette Promotions / World Championship Wrestling (1984-1988)

Nel 1984, Simpson viene convinto a diventare un wrestler professionista da un lottatore della sua zona, Road Warrior Animal. Simpson accetta, radendosi i capelli e esordendo nella Jim Crockette Promotions, affiliata della National Wrestling Alliance, dove il proprietario Jim Crockette gli assegna il ringname Nikita Koloff, interpretando il russo comunista, mettendolo in squadra con Ivan Koloff, accreditato come suo zio e a Don Kernodle in una stable chiamata The Russians.

The Russians e United States Champion (1984-1988)

Debutta nel 1984, sconfiggendo il suo avversario in soli tredici secondi. Koloff disputa questi tipi di match fin quando non ha affinato a sufficienza la tecnica e reso convincente la sua gimmick. Quando Kernodle viene cacciato dalla stable, suo zio Ivan lo sostituisce con Krusher Khruschev. Il 18 marzo 1985, Ivan e Nikita conquistano i NWA World Tag Team Championship sconfiggendo Dusty Rhodes e Manny Fernandez. Ivan invoca la regola Freebird, ossia che i tre membri della stable potevano difendere i titoli a turno. Ivan e Krusher perdono i titoli il 9 luglio contro i Rock'n'Roll Express (Ricky Morton e Robert Gibson). Nikita continua a migliorare come heel, tanto da affrontare Ric Flair a The Great American Bash 1985 per il NWA World Heavyweight Championship, perdendo. In questo periodo, Vince McMahon lo contatta per un passaggio in World Wrestling Federation, ma Nikita rifiuta, dicendo di vedere il suo futuro in NWA. Nikita e Ivan conquistano i NWA World Tag Team Championship per la seconda volta il 13 ottobre contro i Rock'n'Roll Express, perdendoli nel rematch a Starrcade 1985 in uno Steel Cage Match. Nella primavera del 1986, Koloff inizia un feud con T.A. Magnus. Dopo una rissa scoppiata durante la firma del contratto del loro match, Magnus viene derubato del suo titolo, il NWA United States Championship da Koloff. Il titolo viene riassegnato in un best-of-seven-series, ma la sfida si chiude in parità dopo aver vinto tre volte a testa e un match terminato in un no contest. La sfida finale si ha il 17 agosto, con Koloff che conquista il NWA United States Heavyweight Championship. L'idea dell'head booker Dusty Rhodes è quella di far scontrare Koloff e T.A. Magnus l'anno successivo, dopo che Koloff avrebbe conquistato il NWA World Heavyweight Championship a Starrcade 1986 contro Ric Flair. All'inizio di ottobre, Rhodes non sa ancora se fargli vincere il titolo massimo. Nell'ottobre 1986, Magnus ha un'incidente d'auto non sapendo se riprendere la carriera di wrestler. Rhodes decide di far turnare face Koloff e contrapporlo ai Four Horsemen insieme a lui. Il 24 ottobre, Koloff turna face aiutando Dusty Rhodes in uno Steel Cage Match contro J.J. Dillon e Tully Blanchard. Dopo il turn, Koloff riprende a feudare con Flair per il titolo massimo, andando vicino a vincerlo ogni volta, perdendo solo a causa delle interferenze dei Four Horsemen. Vince McMahon gli offre nuovamente un passaggio in World Wrestling Federation aumentando anche i soldi del contratto, ma Koloff rifiuta nuovamente. Durante i primi mesi del 1987, continua a difendere il suo titolo e vincendo l'11 aprile, insieme a Dusty Rhodes, il Jim Crockette Sr. Memorial Cup sconfiggendo in finale Arn Anderson e Tully Blanchard. La faida con i Four Horsemen raggiunge il culmine durante due WarGames Match che i Super Powers (Rhodes e Koloff) e i Road Warriors vincono. Perde il titolo l'11 luglio contro Lex Luger dopo essere stato colpito con una sedia. Il 27 agosto, conquista il NWA World Television Championship sconfiggendo Tully Blanchard. Nel dicembre 1987, McMahon si fa sentire nuovamente proponendoli un contratto ancora più lucroso e un notevole push. Koloff valuta l'offerta, ma poco prima di firmare, voci dichiarano che McMahon lo sta bleffando. Infatti, McMahon vuole farlo perdere contro i suoi migliori heel, facendo vedere che il suo prodotto è migliore di quello della NWA. Koloff alla fine rifiuta l'offerta rimanendo in NWA, dove perde il titolo contro Mike Rotunda il 30 gennaio 1988. Dopo aver perso il match per l'assegnazione del vacante NWA United States Heavyweight Championship contro Barry Windham, Koloff si prende un anno di riposo, lasciando la compagnia nel novembre 1988.

American Wrestling Association e ritorno in World Championship Wrestling (1989-1992)

Koloff comincia a praticare nuovamente wrestling alla fine del 1989, lottando nella American Wrestling Association di Verne Gagne, feudando subito con l'AWA World Champion Larry Zbyszko. Koloff lotta per la federazione fino alla fine del 1990. Torna in World Championship Wrestling a WrestleWar 1991, dove attacca Lex Luger, sostenendo di voler indietro il suo titolo perso nel 1987. A SuperBrawl 1991, colpisce involontariamente Sting con un colpo di catena indirizzato a Luger. A The Great American Bash 1991, Koloff sconfigge Sting in un Russian Chair Match. Il feud sarebbe continuato, ma Koloff lascia momentaneamente la federazione per aprire una palestra. Ritorna nell'aprile 1992 come face, salvando Sting dall'attacco della Dangerous Alliance. Koloff spiega come durante questo tempo, ha capito di rispettare Sting sia come uomo che come wrestler. A WrestleWar 1992, insieme a Sting, Barry Windham, Dustin Rhodes e Ricky Steamboat sconfigge Arn Anderson, Bobby Eaton, Larry Zbyszko, Rick Rude e Steve Austin in un WarGames Match. Ad Halloween Havoc 1992, perde un match contro Big Van Vader subendo danni alle vertebre cervicali e procurandosi un'ernia. A causa dell'infortunio rimediato, Koloff si ritira prematuramente dal mondo del wrestling.